L'assessore alle attività produttive

L’apertura del Nuovo Centro Servizi per la Commercializzazione e l’Assistenza Tecnica alla Floricoltura” ha dello “straordinario”,nel senso etimologico del termine, per tante ragioni.
“Straordinario” innanzitutto perchè questo avvenimento si attende da quasi trentanni.
“Straordinario” per il processo di partecipazione voluto dall’Amministrazione Comunale e messo in atto da tutti i protagonisti del comparto. Ritengo strategica la scelta di costituire la cd. “Consulta del Fiore”, un “luogo” di partecipazione abitato dai diversi stake holders: i rappresentanti degli operatori, protagonisti della commercializzazione del fiore, eletti e scelti in maniera democratica dagli operatori stessi; le Organizzazioni di Categoria più rappresentative (Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Confcommercio, Confesercenti), l’Amministrazione Comunale. La Consulta ha lavorato assiduamente sin dalla sua formale costituzione (delib. G.C. n. 22/2010): ha discusso, si è confrontata, ha saputo costruire insieme un percorso fatto di limiti, ma anche di tanta ricchezza.
Sicuramente non tutte le decisioni prese sono le migliori possibili, ma sono senza dubbio pregevoli nella misura in cui sono il frutto di partecipazione autentica, in una società fortemente individualistica come quella odierna.
“Straordinario”, infine, è lo scenario che si apre all’orizzonte, la cui possibile realizzazione è, prima di tutto, affidata agli operatori.
Il Nuovo Centro per la Commercializzazione e l’Assistenza Tecnica alla Floricoltura esprime enormi potenzialità per un rilancio del settore florovivaistico e dell’indotto, anche alla luce della posizione geografica strategica del Centro e del contesto storico nel quale si inserisce: da un lato si sta lavorando alla creazione dell’Area Metropolitana Terra di Bari che vedrebbe il Centro assumere un ruolo cruciale; dall’altro da pochi mesi è stato riconosciuto il Distretto Florovivaistico Pugliese, importante strumento di programmazione regionale del comparto.
Una visione “straordinaria”, quindi, quella che si profila e che viene affidata a ciascuno dei protagonisti del comparto: nuove sinergie, forti e significative fra gli operatori, nonché fra operatori, altri soggetti del comparto e Istituzioni, affinchè il Nuovo Mercato possa diventare un’autentica occasione di crescita economica, sociale e culturale e sia di stimolo per tutti, per compiere un salto di qualità che renda giustizia ai nostri prodotti di eccellenza e al lavoro dell’uomo, superando i retaggi culturali e la logica della divisione e della disaggregazione, lavorando per un nuovo modello gestionale e investendo in formazione, innovazione tecnologica, marketing, logistica.
Un sogno “straordinario” che può camminare solo sulle gambe di tanti uomini “ordinari”… ed è il mio augurio a tutti… che il sogno diventi realtà e la visione “straordinaria” diventi “ordinaria”.

Centro servizi per la commercializzazione e l’assistenza tecnica alla floricoltura
Via I. Balbo (ex Provinciale Terlizzi-Mariotto) - Tel. 080.3514111 - fax 080.3514929 - cell. 3666140406